Diagnosi energetica

La diagnosi energetica ha l’obiettivo di dare un inquadramento energetico del sito dell’azienda tramite la costruzione di modelli energetici con dettaglio delle principali utenze e ripartizione dei relativi consumi.

La Diagnosi Energetica (DE) o Audit Energetico è il primo passo per l’iter di conoscenza del profilo di consumo energetico di un’azienda, di un edificio, di un impianto o di un processo. È una valutazione sistematica, documentata e periodica dell’efficienza energetica e ha lo scopo di individuare e valutare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi e benefici, e stilare un elenco di priorità.
Una Diagnosi Energetica deve essere conforme alla Norma UNI CEI 16247 e all’Allegato 2 del D.Lgs 102/2014. A partire dal 16 luglio 2016, i soggetti che possono eseguire DE di un sito produttivo industriale riconosciute dallo stato per soddisfare l’obbligo imposto a grandi imprese e energivore, devono essere certificati da organismi accreditati ai sensi del regolamento comunitario n. 765 del 2008, ossia:

  • Società di Servizi Energetici (SSE), certificate secondo la norma UNI CEI 11352
  • Esperti in Gestione dell’Energia (EGE), certificati secondo la norma UNI CEI 11339

Inoltre Enea ha fornito indicazioni sulle modalità per lo svolgimento del piano di monitoraggio che deve andare a supporto delle diagnosi stesse, prevedendolo in continuo per tutto l’anno solare precedente la diagnosi (o a campione in casi particolari).

La Diagnosi energetica è una formidabile opportunità per le aziende che vogliono ridurre i costi, abbassare i consumi energetici e migliorare il proprio impatto ambientale.

Opportunità bandi

La Regione Lombardia , in attuazione al DL 17/05/2015 emanato dal MiSE (Ministero per lo Sviluppo Economico), hanno deliberato le seguenti misure, che costituiscono  una eccezionale opportunita’ per le PMI che intendono intraprendere un percorso concreto di risparmio ed efficienza  energetica.

Per ciascuna sede operativa il contributo non potrà superare:

  • € 8.000,00 per la diagnosi energetica;
  • € 16.000,00 per l’adozione del sistema di gestione ISO 50001.

Chi è obbligato

Grandi imprese

  • + di 250 dipendenti o fatturato > 50milioni di €
  • totale di bilancio annuale > di 43 milioni di euro

Energivore

  • Consumo medio di energia elettrica pari ad almeno 1 GWh/anno
  • Indice di intensità elettrica su VAL non inferiore al 20%;

Alcuni richiedenti Conto Termico 2.0:

  • Per interventi di isolamento termico di superfici opache,
  • Per interventi che prevedono la trasformazione degli edifici esistenti in “edifici a energia quasi zero” (nZEB),
  • Per Impianti termici con potenza pre-intervento ≥ 200 kWt

Soggetti obbligati alla Diagnosi Energetica per il D.M 26.06.2015

Cosa identifica?

Identifica come l’energia viene gestita e consumata, ovvero:

  1. Come e dove l’energia entra nell’impianto, stabilimento, sistema o parte di attrezzatura;
  2. Dove essa venga distribuita ed usata;
  3. Come venga convertita tra i punti di ingresso ed i suoi utilizzi;
  4. Come essa possa essere utilizzata in modo più efficace ed in modo più efficiente.

La diagnosi energetica deve produrre:

  • Modello Energetico del sito con annesso piano di monitoraggio;
  • Individuazione e calcolo di tutti gli IPE necessari (di stabilimento, dei singoli vettori energetici e dei singoli processi/attività);
  • Individuazione degli IPE della tecnologia di riferimento, con indicazione della fonte;
  • Individuazione interventi in base al confronto degli IPE;
  • Analisi tecnico/economica degli interventi individuati.

CERTIFICATI BIANCHI

I risparmi ottenuti dagli INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA possono essere valorizzati attraverso il meccanismo dei CERTIFICATI BIANCHI o Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

Diagnosi EDIFICIO

Modellazione Termo-Fisica tridimensionale dell’Edificio tramite sw certificati e successiva validazione del Modello utilizzando i consumi reali. Una volta messo a punto il Modello dell’Edificio questo viene utilizzato per testare interventi sull’involucro edilizio e calcolare la diminuzione del fabbisogno termico o frigorifero.

Diagnosi IMPIANTO

Modellazione Termo-Fisica dell’Impianto all’interno del Modello dell’Edificio, necessaria per simulare diversi interventi di riqualificazione della centrale di climatizzazione, del sistema di regolazione e di distribuzione degli impianti e calcolarne i relativi vantaggi economici (riduzione della bolletta e incentivi).

Diagnosi PROCESSO INDUSTRIALE

Modellazione e simulazione del processo produttivo, ove possibile utilizzando Matlab e Simulink, al fine di restituire una rappresentazione approssimata quanto più vicina alla realtà. Tale approccio consente di studiare eventuali interventi di miglioramento dell’efficienza energetica del processo produttivo.

FASI SEMPLIFICATE DI UNA DIAGNOSI ENERGETICA

l

raccolta dei dati e rilievo

inventario energetico

Modellazione termo-fisica dell’edificio, dell’impianto e del processo

Validazione del modello con i dati del consumo reale

Individuazione degli interventi

Analisi costi benefici e calcolo del piano di rientro

Hai bisogno di una Diagnosi energetica.

contattaci

Pin It on Pinterest